Una Nuova Polmonite, più grave del Covid-19, ha già ucciso 1700 persone

Una nuova e sconosciuta polmonite, potenzialmente più pericolosa della causa dell’attuale pandemia, ha già ucciso oltre 1.700 persone in Kazakistan vicino la Russia, e il numero di casi sta aumentando in modo significativo da metà giugno in tutto il Paese.

È ciò che ha reso noto l’ambasciata cinese in Kazakistan in una comunicazione diffusa ieri ai propri cittadini.

La malattia è molto più mortale del Covid-19”, sottolinea il comunicato secondo l’agenzia di stampa del Kazakistan.

Il dipartimento della Sanità del Kazakistan ed altre agenzie stanno eseguendo ricerche comparative e non hanno definito la natura del virus della polmonite, si legge nella comunicazione, secondo quanto riporta la Cnn. In alcune aree del Paese, prosegue la nota, le autorità segnalano centinaia di nuovi casi al giorno.

Una prima versione, tra l’altro, parlava di “polmonite kazaka”, termine poi sostituito con “polmonite sconosciuta”.

“Informazioni che non corrispondono a realtà”, ha replicato il ministero della Sanità kazaka. In un comunicato diffuso il venerdì, ha riconosciuto la presenza di “polmoniti virali di imprecisata eziologia”, ma negato che si tratti di un’epidemia “nuova o sconosciuta” come sostengono i cinesi.

Illustrazione sul Palazzo del Quirinale a seguito di invito per il nostro Presidente, Gianluca Giuseppe Caracciolo, da parte dell’Ufficio di Presidenza. Oltre cinquanta foto