Coronavirus: 750 mil. di € prestati dalla Bce e sblocco dei limiti

Palazzo Madama a Roma, sede del Senato

Purtroppo, come previsto, il coronavirus sta incidendo negativamente sull’economia italiana. A far muovere l’Unione Europea con la sua Banca Centrale è stata la brusca impennata dello spread italiano che è salito oltre 320 punti base.

Il prestito della Banca Centrale, che dirige la politica monetaria dell’Unione Europea, consiste in 750 miliardi di euro per l’acquisto di titoli pubblici e privati.

L’ attività sarà svolta per tutto il 2020 e comprenderà anche le cambiali con cui si finanziano molte imprese.

Tuttavia si prospetta il rischio di una Italia per una perdenza tra il – 6 e il – 10 del Pil Nazionale per un debito pubblico che va diritto per oltre il 150 e 160% rispetto al Pil. Si sta creando un circolo vizioso e per questo motivo gli italiani devono cominciare a lavorare al più presto.

Infine, assurdamente, la Banca Centrale Europea è pronta a rivedere i limiti che si è data agli acquisti di bond tedeschi, ovvero il titolo che fa riferimento il titolo italiano per misurare lo spread. Permetterebbe alla Banca Europea di superare il limite del 33% di acquisti su ciascuna emissione e la clausola che stabilisce acquisti per ciascun Paese proporzionati alla quota nel capitale della Banca Centrale Europea.

Palazzo Chigi, sede del Governo della Repubblica Italiana
Clicca sul SIMBOLO del MOVIMENTO per leggere il Progetto Politico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *